mercoledì 5 luglio 2017

A proposito dello Jus Soli e della legge coranica



Risultati immagini per donne in burqa in italia

Alcune osservazioni sulla legge "Ius Soli" la quale considera i necessari presupposti formali – di nascita in Italia, di età, di soggiorno della famiglia in Italia ecc. per ottenere la cittadinanza italiana.

Ma  non considera il fatto che per essere italiani bisogna possedere una cultura italiana, o italo-europea; una  cultura che non sia in contrasto con i fondamentali principi e diritti, in parte già posseduti nell'antichità greco-romana,  quindi nella modernità, che dall'umanesimo in poi è la più avanzata nella costruzione di una società di giustizia.

Con particolare riferimento all'Islam, che non ha avuto un processo di modernizzazione, e che ancor oggi segue precetti che il Corano ha assunto dalle tribù primitive dell'Arabia del tempo.

1. A cominciare dalla  dignità e diritto della donna, l'eguale dignità e diritto; mentre per il Corano la donna è proprietà del marito, che può batterla e può ripudiarla; può possederne fino a quattro. Inoltre deve velarsi in modi anche estremi come il burqa, perché solo il marito e quelli di casa possono vederla.

Su questo punto il Parlamento deve intervenire: deve proclamare l'eguale dignità e diritto della donna islamica, quindi la parità nel rapporto coniugale;
deve proibire il velo islamico che non è  un fatto di costume, né - come alcuni dicono - un fatto religioso, ma sigla l'inferiorità e l'appartenenza della donna.

2. Altri punti sono la legge del taglione, la vendetta privata, il taglio delle mani al ladro, l'uccisione dell'infedele ("uccideteli dovunque li troviate" Corano 9, 15), quindi il terrorismo.

L'islamico, nell'atto di ammissione alla cittadinanza, non basta che giuri la Costituzione italiana; deve giurare espressamente il riconoscimento della pari dignità e diritto di uomo e donna, e il rifiuto di vendetta, mutilazione, omicidio; deve cioè rifiutare alcuni punti della legge coranica in quanto ingiusti.

                                                               
                                                                            Prof. Arrigo Colombo

Arrigo Colombo, Centro interuniversitario di ricerca sull’Utopia, Università del Salento-Lecce
Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel. 0832-314160

Nessun commento:

Posta un commento